Appello di Ex-magistrati penali per il SÌ

Appello di Ex-magistrati penali per il SÌ

Appello di Ex-magistrati penali

SÌ alla revisione della legge sulle armi il prossimo 19 maggio

Tutte le autorità federali e cantonali responsabili per la lotta anticrimine sostengono la nuova legge federale sulle armi. Come magistrati dell’Ordine giudiziario penale abbiamo tutti avuto esperienza di bande criminali che si sono rifornite di armi nei negozi svizzeri. Hanno gravemente abusato delle tradizioni svizzere di libertà. Continueranno ad abusarne se non ci sarà il divieto previsto dalla nuova legge federale sulle armi: vietato il commercio di fucili semiautomatici e vietato il tiro a raffica.

Purtroppo troppi criminali hanno scavalcato le regole svizzere, usando intermediari incensurati e documenti di identità falsificati. Hanno facilmente trasformato fucili semiautomatici in fucili a raffica. Proprio per questo motivo il Parlamento della Nuova Zelanda, dopo la strage a Christchurch di oltre cinquanta persone, ha immediatamente approvato una legge con lo stesso divieto.

Tutti dobbiamo evitare rischi come quello corso dagli studenti della Scuola cantonale di commercio di Bellinzona lo scorso mese di maggio e i rischi che corrono giorno e notte gli agenti della Polizia e del Corpo delle guardie di confine. Sono loro in pericolo, e non la caccia e il tiro sportivo, riguardo ai quali la nuova legge federale esclude esplicitamente ogni limitazione di acquisto. Anche per queste ragioni invitiamo elettrici ed elettori a votare Sì a favore della revisione della Legge federale sulle armi in votazione il prossimo 19 maggio.

Firmatari dell’appello:

Bruno Balestra
Paolo Bernasconi
Marco Bertoli
Mario Branda
Jacques Ducry
Fabrizio Eggenschwyler
Luca Maghetti
Dick Marty
Luigi Mattei
Edy Meli
Marco Mona
John Noseda
Renzo Respini
Pietro Simona
Emanuele Stauffer
Giordano Zeli